Claudio Signorile

                                                                 Groove Experience

                                                                 Autoproduzione

                                                                 www.facebook.com/ClaudioSignorileBassSoloArtist

                                                                

 

Ed eccoci a confrontarci col nuovo lavoro di Claudio Signorile, bassista che abbiamo imparato a conoscere già dalla sua precedente uscita “A song 4 each day...” ed anche per essere il titolare del Bari bass day una sorta di raduno annuale per bassisti. Claudio si conferma musicista interessante ed eclettico: le sue composizioni  mai banali si fanno ascoltare con piacere ed anche qui il giudizio non cambia perché  come il suo collega Alberto Rigoni riesce a dare diverse letture alle possibilità del basso che può  essere visto sia  come strumento d' accompagnamento sia come strumento principale.

Personalmente ritengo che il suono del basso sia quanto mai affascinante e raggiunge il massimo quando viene suonato in fretless dove penso che raggiunga il massimo livello d’espressività, e che da  la possibilità d’interpretare una melodia  a volte anche meglio di una chitarra. In questo disco Claudio si avvale della collaborazione di alcuni valenti musicisti ed oltre al fido Rha Stranges alla batteria nonché il  suo omologo Francesco "Frums" Dettole, troviamo Pierluigi Balducci e Vincenzo Maurogiovanni al basso solista, Michele Campobasso al piano, Francesco Adessi e  Danny Trent  alle chitarre acustiche e il bravo Aurelio Follieri alla chitarra elettrica, e ultimo ma non ultimo Marcello Leanza al sax mooolto bello il suo assolo in “When love ends” forse l’unica canzone che si possa definire jazz per via anche del piano ma nel suo computo generale la composizione è davvero molto bella .

Uno dei momenti alti del disco è “Bass suite” ove il nostro bassista mette in mostra le sue  doti e dove per altro spiccano il gusto per la scelta della note durante i suoi assoli. Il brano è diviso per così dire in vari movimenti  e dopo la  lunga intro interviene la batteria  e poi lo stupendo assolo di chitarra ad opera Aurelio Follieri il quale non nasconde il suo amore per Gary Moore e Jeff Beck. La parte conclusiva  del brano è molto ritmata  e si svolge tra basso e batteria: qui la tecnica a due mani di Claudio Signorile impera preponderantemente e porta  il brano stesso alla sua conclusione .

Inoltre è molto importante dire  che Groove Experience è divertente da ascoltare ed anche se si può pensare che strumenti come il basso siano diciamo complicati qui potrete ricredervi, anche per le enormi possibilità acustiche dello strumento che usa Claudio ovvero un “Alusonic” una delle migliori marche di basso sia a livello sonoro sia per la scelta dei materiali innovativi con cui vengono costruiti.

Quindi se volete un consiglio per ascoltare qualcosa  di diverso dal solito  questo lavoro di Claudio Signorile potrebbe essere la scelta giusta per fare una "Groove experience"

Stefano Bonelli

01.  Horizon

02.  Bass Suite

03.  Unforgettable

04.  Groove Experiment

05.  When love ends

06.  Mosaic

07.  In my memory

 

Claudio Signorile – bass

Pierluigi Balducci,Vincenzo Maurogiovanni - Lead bass

Michele Campobasso - piano

Francesco Adessi and Danny Trent  - acoustic guitar

Aurelio Follieri - electric guitar

Rha Stranges  Francesco "Frums" Dettole – drums

Marcello Leanza – sax

Aurelio Follieri - electric guitar

Danny Trent - acoustic guitar

 

 

 

FOLLOW US

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione