Vinterage

                                                                  Demo

                                                                  Autoprodotto

                                                                  www.myspace.com/vintrage

 

 

 

Il demo in questione rappresenta l’opera prima di questo onestissimo gruppo nostrano nato dalla volontà di creare della buona musica.Intento pienamente riuscito in quanto il gruppo dei Vintrage( da non confondere  con i Winterage) possiede un corposo background che scaturisce dai propri strumenti sotto forma di band come Deep Purple PFM  Hendrix a Lenny Kravitz per una proposta musicale quanto mai varia e sostanziosa.

Il demo che ci è giunto è un demo a cinque tracce e le canzoni che ne fanno parte rappresentano in toto la band.La scaletta che compone il demo in disamina è stata equamente distribuita tra l’inglese e l’italiano.Personalmente preferisco le canzoni cantante in inglese in quanto più affini allo stile adottato , mentre l’uso delle parole italiane mi è sembrato un pochino scontato La Fuga è emblematica in questo senso e purtroppo qui esce fuori la dialettalità che invece dovrebbe essere eliminata a favore di un uso della italiana che sia il più naturale possibile . Musicalmente invece proprio La fuga con i suoi richiami ai Deep Purple (nei cori) è uno delle canzoni migliori.

Altra canzone che mi sento di citare è Game over cantata in italiano ma che ha in se il riff vincente della chitarra che con l’uso del  wa-wa ci riporta direttamente  agli anni settanta .

Chiude il demo Guarda la mia faccia una canzone che inizia con un arpeggia  assai efficace sviluppandosi poi con un rifferama che fa l’occhiolino ai Saxon ad un tratto seguito  da un tappeto di tastiere che rende il tutto più drammatico molto bello qui è l’assolo .

Certamente questo demo non farà gridare al miracolo, a  mio quelli che vanno premiato  in questi casi sono l’ottima preparazione tecnica unita alla grande passione per un certo modo d’intendere il rock che condivido  pienamente che è quello di porsi ad un background che permette alla band di muoversi su territori sicuri.

 

Stefano Bonelli     

 

01.  Sogno Barocko

02.  La Fuga

03.  The Damage

04.  Game Over

05.  Guarda la mia Faccia

 

Luca Montemitoli - Guitar/Vocals

Stefano Di Qual – Guitar

Cristiano Mazzi – Bass Vocals

Alex Tisot -  Drums

 

 

 

 

 

FOLLOW US

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione