Hidden Whispers

                                                                             White Mirror

                                                                            Autoprodotto

                                                                            www.whitemirror.net

 

 

 

 

I White Mirror, band metal-sinfonico nata nel 2003, sono 5 giovani (Corrado e Riccardo (chitarre), Alessio (tastiera), Efrem (batteria), Anita (basso) e Mariarosaria alla voce) che tra il 2006 e i primi mesi del 2007, si sono piazzati in semifinale allo "European & North America Live Festival di Emergenza", nonchè hanno potuto calcare il prestigioso palco del Jailbreak a Roma. 

In un panorama metal spesso prevalentemente maschile, le poche eccezioni si hanno in gruppi come Arch Enemy e Walls of Jericho da una parte, dove le cantanti sconvolgono l’ascoltatore con i loro ruggiti spaventosi senza nulla invidiare ai colleghi dell’altro sesso, o ancora Nightwish, Epica, Within temptation, forti dell’eleganza e grazia di bellissime frontwoman dalla voce fatata, sul genere symphonic/gothic. I White Mirror, con la suadente voce della cantante Mariarosaria e il ritmo serrata del basso suonato da Anita, sono la conferma che i casi rari esistono ancora e sono pregevoli.

Il lavoro composto da tre pezzi e intitolato ‘Hidden Whispers’ segue appunto filone più sinfonico del metal, quello spesso trascurato (almeno in Italia). Un demo a tratti carente ma certamente interessante proprio perchè riapre spazi da troppo tempo serati ad un genere originale e altamente scenografico, anche se la registrazione non è delle migliori.

La base strumentale che profuma di gruppi power come i Kamelot, è talora eccessivamente monotona nei cambi di tempo, ma è da sottolineare l'abilità individuale dei singoli componenti della band. In special modo da notare l'abile tastiera, che varia dalle sonorità del piano e quelle del clavicembalo, organo e xilofono, ben calibrate in maniera molto brillante; ed ancora le evoluzioni epiche delle chitarre e i sintetizzatori talora anche in abbondanza.
La voce della cantante è assai interessante in quanto a timbro ed intensità, come del resto è giusto che sia per una band "sinfonica", appunto.

Molto interessante l'ultimo pezzo del demo, "Out Of Control", una lunga canzone di 8 minuti, ricca di aperture melodiche cavalleresche, arpeggi, sintex fulminanti, e in cui la prima voce, forte di svariati assoli urlati e influssi screamo, viene alternata ad una splendida seconda voce maschile, che contribuisce a rendere ancora più potente questo brano.
In sintesi un demo interessante, sicuramente più adatto agli appassionati fedeli del genere, non totalmente completo ma con ottime possibilità di miglioramento, vista la valenza artistica dei White Mirror.

 

Ilaria Rebecchi

01.Sunset of our Dreams
02.The Lord of the Rings
03.Out of Control

Alessio Scalzini - Keyboards
Riccardo Leuzzi - Guitar
Mariarosaria Cavallo - Vocals
Anita Petruzzi - bass
Efrem D'Orazio - Drums


 

 

 

FOLLOW US

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione