Mob Rules Tales from Beyond

Written by Super User on . Posted in CD del Mese

 

                                                                                       Mob Rules

                                                                                       Tales from Beyond

                                                                                       Steamhammer

                                                                                      www.mobrules.de

 

 

Ottavo album dal 1999 di questi tedeschi che sanno comporre canzoni degne di essere gustate per bene. Per alcuni versi questo disco fa capire come suonare lo stile Iron Maiden senza apparire ripetitivi. Ma per quanto la cifra stilistica sia quella, i M.Rules non appaiono per nulla derivativi. Di certo la formula non è innovativa e anche la personalità non è fortissima, però le canzoni sono belle, anche molto belle.

La prima traccia “Dykemaster’s” si apre proprio alla maniera classica dei Maiden ultima decade, con giro ripetitivo soffice e cantilena vocale che poi torna nel finale; purtroppo intro un po’ troppo simile e quasi copiato, però non sembra una trovata commerciale quanto un reale amore della band verso i maestri. Contiene un assolo stupendo, anche migliore di quelli poi presenti nelle tracce successive migliori, anche se il brano è forse il più debole di tutto il cd. E “SOMERLED” è davvero proprio una delle tracce più belle, anch’essa che si sviluppa con lo schema dei Maiden che erano di “Hallowed be thy name”(1982) e “The Trooper” (1983) senza però esserne prigionieri; la forte epicità è una percezione esplicita, introdotta da una cornamusa ben impostata. Altra bella gemma risulta essere “ON THE EDGE” che con il suo bel cantato illumina l’atmosfera, e tutta la song afferma che l’alveo strettamente Iron Maiden può essere ancora di grande appeal. Non mancano qua e là un  minimo di sinfonismo e un pizzico di folk-Metal (“My Kingdom Come”). “THE HEALER” dà un taglio più potente all’album e pur contenendo sempre i Maiden, appare più Power e teutonicamente compatto; qui torna un bel livello solistico, compreso anche di tastiere. Per avere un pezzo che appaia al 100% germanico bisogna giungere alla traccia numero 7, cioè a una turgida “Dust of vengeance”, con ritornello melodico. L’opera termina con la title-track “Tales from Beyond”, una ottima lunga suite divisa in tre sezioni che abbandona gli Iron e porta verso altri lidi, quelli più middle-time di sapore scandinavo (tra cui Stratovarius). In realtà la vera conclusione è data da una gustosissima bonus: una fresca e frizzante “Outer Space”, dal ritmo sostenuto e che appare il più saltellante del disco.

Questa band può essere paragonata, come approccio artistico, a quella dei Masterplan, nel ricordare altro da sé. Nel caso dei Masterplan  si tratta di Ronnie James Dio, mentre per i Mob Rules appunto degli I.Maiden. Usare uno stile già ben codificato e di riproporlo senza innovazioni ha un senso se fatto con qualità. Ha il senso di prendere ad esempio un mito per  continuare con valore la strada tracciata dal gruppo a cui si ispira. Visto il cedimento delle band originali, la cosa assume un valore simbolico ed espressivo di una certa pregnanza per la cultura musicale in generale e per quella metallica in particolare che riesce a mantenere sveglio lo spirito rock originale attualizzando quel passato che era costituito di catene e borchie. Davvero un album per chi vuole sentire l’anima dell’Heavy Metal tradizionale senza però inflessioni troppo vintage. C’è ancora chi crede nel verbo espresso con la frase: “Che il Metallo sia con te!”

 

Roberto sky Latini

 

01. Dykemaster's Tale

02. Somerled

03. Signs

04. On The Edge

05. My Kingdom Come

06. The Healer

07. Dust Of Vengeance

08. A Tale From Beyond (Part 1: Through The Eye Of The Storm)

09. A Tale From Beyond (Part 2: A Mirror Inside)

10. A Tale From Beyond (Part 3: Science Save Me!)

11. Outer Space (b.track)

 

Klaus Dirks – vocals

 

Matthias Mineur – guitars

 

Sven Lüdke – guitars

 

Markus Brinkmann – bass

 

Jan Christian Halfbrodt – keyboards

 

Nikolas Fritz – drums

 

 

 

FOLLOW US

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione