C.O.P uk No place for heaven

Written by Super User on . Posted in CD

 

                                                                                           C.O.P  UK

                                                                                          No place for heaven

                                                                                          UDR

                                                                                                  www.copuk.com

 

 

 

Da non confondere  con i Crime of Passion svedesi di Lucassen, i Cop uk sfornano  uno dei primi dischi del nuovo anno che già si presenta  intrigante  come non mai.Il disco è suonato da grandi professionisti dell’hardrock , e malgrado le canzoni abbiano tutti un che di creativo e godibilmente ascoltabile a mio avviso questo  disco non è da urlo  ma non è nemmeno così brutto .Come spesso dico quando i dischi  sono realizzati con i suoni giusti il risultato finale poi si sente  e come , E' il caso infatti di "No place for heaven" , musica commerciale  è  vero  ma fatta con passione e professionalità i suoni sono molto belli  e la produzione cristallina permettere di distinguere tutti gli strumenti anche a volume basso.

Se invece alziamo il volume il suono diventa bello potente  e brani  dal grande impatto sonoro come l’opener “The core” e la successiva “The Blood” ,fanno capire di che pasta siano fatti i COP.“Kiss of an angel”la classica ballatona serve  a spezzare il muro del suono che i COP hanno creato in pochi minuti,la band poi è molto rodata  e secondo me il valore aggiunto del gruppo inglese è la voce  diDale Radcliffe una sorta di  David Glen Eisley, il cui timbro ruvido e melodico al tempo stesso valorizza ulteriormente canzoni che sembrano fatte per funzionare  in radio.

Anche quando incontriamo canzoni come “Burn in hell”molto veloci e  travolgenti quello che rimane dopo averle ascoltate più volte  è sena dubbio questo innato gusto commerciale che non vuol dire che siano scontate ,almeno non del tutto.Dopo una manciata di canzoni energetiche, arriva l’altra ballad “No Mans Land” che fa il paio con l’altra ballad citata prima e che dimostrano la buona qualità di ascrivere buone canzoni da parte dei COP uk.Che a questo punto spero solo non siano una delle classiche meteore del rock che fanno magari anche tre dischi ma poi spariscono nel dimenticatoio lo spero per  loro ovviamente che non sia così.

 Stefano Bonelli

 

01.  The Core

02.  My Blood

03.  Kiss Of An Angel

04.  Take It To The Grave

05.  No Place For Heaven

06.  Burn Hell

07.  Halo

08.  Catch Me If You Can

09.  No Mans Land

10.  One In A Million

11.  Stranger Than Fiction

 

Dale Radcliffe - vocals

Charles Staton - guitars

Andrew Mewse - guitars-

Henning Wanner - keyboards

Scott  Jordan  - bass

 Kev Tonge - drums

FOLLOW US

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione