Satan Atom by Atom

Written by Super User on . Posted in CD del Mese

 

                                                                 Satan

                                                                 Atom by Atom

                                                                 Listenable Records

                                                                 www.satanmusic.com

 

 


Non è vero che la NWOBHM non ha una sua propria specifica sonorità. Sappiamo bene che più che un genere, trattavasi di movimento musicale legato ad un luogo (la Gran Bretagna) e ad un tempo (1979-1984). Però adesso si tende a chiamare così quelli di un certo stampo sonoro, molto riconoscibile solo agli esperti ascoltatori. I Satan sono tra i più caratteristici del genere, sia perché esistevano al tempo (primo album rispettivamente nel 1983), fondandolo, sia perché hanno un modo molto personale di esprimerlo. Sfortunatamente non ebbero il loro meritato successo, e dopo il secondo album del 1987, l’ibernazione. Ma oggi, tornando in attività, testimoniano ancora il loro alto valore artistico, probabilmente uno dei più alti. Le indecisioni e le immaturità sono bandite, l’aver attraversato e sorbito tutti i decenni di rock duro fino ad oggi li ha perfezionati senza cambiarne però la cifra stilistica.  Non si basano sul riff, ma sul tessuto chitarristico che è un continuo svisare solistico. E su una voce che non s’impone con stentorea virilità,  né con virtuosistica tecnica; ma pure riesce a dare un fascino da culto al sound. Nel 2013 rinascono dal passato e pubblicano uno stupendo “Life Sentence”, dopo altri due anni eccoli riaffacciarsi con eguale seduzione.

Appena dato il via al disco, l’urlo acuto alla King Diamond della stupenda “FAREWELL EVOLUTION” fa entrare un dinamismo che non si acqueterà fino alla fine dell’album. La seconda traccia “FALLEN SAVIOUR” non desidera affatto far calare la tensione, e così le chitarre proseguono a trillare senza sosta. “RUINATION”, calma un po’ le acque, mantenendo la frenesia in uno stato meno eclatante, con un ponte centrale soft che non tradisce però lo stilema di base nella sua variabilità. Bella presenza anche per “THE DEVIL’S INFANTRY”, piena di cambi di ritmo pur essendo costruita sulla velocità. Molta personalità fuoriesce da “ATOM BY ATOM”, che inizia con un giro intrigante e un ritmo cadenzato; in realtà i giri di chitarra sono più di uno e frizzanti, e si dipanano senza mai che si perda la fluidità strutturale, fino ad arrivare ai liquidi assoli. E che il metal dei nostri è legato al passato lo dimostra un pezzo come “My Own God” che tra le righe ritmiche fa sentire le radici blues.

La NWOBHM non è musica commerciale. Quella dei Saxon e dei Def Leppard del tempo aveva un senso più fruibile, ma  quello degli Angel Witch e degli Holocaust possedeva un modo più introverso di esprimersi. I Satan costruiscono la loro creazione con quella stessa materia introspettiva; sembra un controsenso per un Heavy classico, ma né le accelerazioni, né i riff Judaspriestiani adottati, riescono a spostarne l’essenza meno rutilante. Questa peculiarità è quella che oggi viene più indicata come NWOBHM quando si registrano nuovi album con tale sonorità, mentre allora i generi sotto quella etichetta erano i più disparati.

Venendo ai Satan, essi hanno qualcosa ancora di diverso: rispetto ad altri gruppi della stessa categoria, la struttura dei Satan possiede una attitudine quasi Prog, e le loro giravolte ampliano sempre il quadro compositivo. Questa capacità di cambiamento li rende meno monolitici, e vengono allacciati abilmente i passaggi in un efficace andamento emotivo. Si vede chiaramente la cura con cui la band si è approcciata alla composizione. L’album dà vita ad una piccola avventura tra il selvaggio schitarrante e l’input meditato. Grande opera per i veri cultori.

Roberto sky Latini

 

01.Farewell Evolution

02.Fallen Saviour

03.Ruination

04.The Devil’s Infantry

05.Atom By Atom

06.In Contempt

07.My Own God

08.Ahriman

09.Bound In Enmity

10.The Fall Of Persephone

Brian Ross – vocals

Steve Ramsey – guitars

Russ Tippins – guitars

Graeme English – bass

Sean Taylor - drums

FOLLOW US

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione