Victor Wooten

                                                                        Sword & Stone 

                                                                        Vix Records

                                                                        www.victorwooten.com

 

 

 

Aver modo di recensire una nuova uscita di V. W. ha per me una valenza particolare dal momento che sono bassista anch’ io e Victor è sempre stato uno dei miei maggiori ispiratori. Ma cercherò come sempre di essere imparziale nel giudicare questa sua settima release da solista pubblicata il 25 settembre 2012, intitolata con il gioco di parole “Sword & stone” – “Words & Tones”.

  In realtà si tratta di due dischi distinti, uno strumentale ed uno  cantato, pubblicati contemporaneamente ma contenenti ciascuno quattordici tracce, di cui nove si ripetono, ma con arrangiamenti e musicisti diversi, e naturalmente con e senza voce, mentre le altre cinque sono invece diverse per tutti e due i dischi. La mia recensione riguarderà la metà intitolata “Sword & stone”, ovvero quella strumentale.

La mia prima osservazione punta il dito proprio sulla grande mole di lavoro dunque, a conferma di un musicista infaticabile, come dimostra il suo immenso curriculum ricco di collaborazioni (proprio mentre scrivo è in tour con Mike Stern ed alcune date toccheranno anche l’ Italia), dischi da solista, concerti ed iniziative didattiche di ogni tipo (vedi il VixCamps). Victor è un bassista famoso per le sue doti funamboliche che non risparmiano l’ uso di tecniche estreme come Tapping e Slap, quest’ ultimo nella sua variante chiamata Double Thumb. 

Chi ha ascoltato il suo primo disco da solista “A show of hands” (1986) ne sa qualcosa, così come chi lo ha ascoltato dal vivo… Ma Victor è soprattutto un musicista raffinato, non soltanto un tecnico iperbolico, con un grandissimo groove  ed un gran suono e nei dischi a seguire quel suo primo in cui faceva tutto incredibilmente da solo ha dimostrato le sue doti come compositore (splendido il suo terzo album “Yin & Yang”) e negli anni ha vinto ben cinque Grammy Award.

Questo suo “Sword & Stone” non fa eccezione, regalandoci un ora di composizioni raffinate e melodiche di world music che varia dal Funk al soul, dal jazz al R & B, in quello stile scanzonato e divertente che a mio avviso è il marchio di fabbrica della musica di Victor: uno stile che riflette alla perfezione la sua filosofia di vita in serenità con la natura, che usa la musica come un linguaggio, un messaggio di pace.

Traspare infatti una sensazione di spensieratezza, di leggerezza di cui ad es. la open track “Sword & Stone”  è un esempio lampante così come anche “Love is my favorite word”. Ma potrei citare ancora il funk “Pass me not, o gentle Savior” e le bellissime “It’ s all right” & “ Be What U are (I love U more)”. Non mancano episodi in cui Victor sfodera le sue doti tecniche con la raffinata “H.O.P.E.” breve brano in cui suona un basso tenore in solitudine con un suono molto chitarristico, ma splendido, oppure “Merlin”.

  Dunque si tratta di un album che promuovo a pieni voti, anche se nonostante la leggerezza che esprime e che ho già sottolineato, potrebbe risultare difficile per i non addetti ai lavori, perlomeno ad un primo impatto. E’ infatti un disco che va ascoltato più volte per poter essere metabolizzato pienamente, data la gran quantità di parti che compongono i vari pezzi.

Ma superata questa fase, che in generale dipende anche dalla musica che si è abituati ad ascoltare, l ‘album risulta godibilissimo. Notevole è anche la gran quantità di ospiti presenti: dai fratelloni maggiori di Victor, a bassisti come il fido Steve Bailey, la grandiosa Meshell Ndegeocello, Adam nitti, e tanti altri nomi che sarebbe lungo citare tutti. Ne consiglio un ascolto attento. Un ascolto attraverso il quale recepire il messaggio che Victor vuole trasmettere attraverso la sua musica e che non lascia delusi.

 

Claudio Signorile.

 

01.  Sword and Stone

02.  Love Is My Favorite Word

03.  Pass Me Not, O Gentle Savior

04.  Get It Right

05.  A Woman's Strength

06.  It's All Right

07.  Love To Hear U Laugh

08.  Say Word

09.  Be What U Are (I Love you More)

10.  H.O.P.E.

11.  Brooklyn

12.  Still Your Baby

13.  Merlin

14.  Keep It Low

 

1. Sword and Stone

Written by Victor L. Wooten

Victor Wooten: Fretted, Fretless, Mando Piccolo, Bassimer, and Upright Basses, Steve Bailey: Fretless bass & Trombone, Dave Welsch: Trumpet

Max ZT: Dulcimer, Pedro Martinez: Congas and David Haynes: Drums

 

2. Love Is My Favorite Word

Written by Victor L. Wooten and Jen Hoeft

Victor Wooten: Fretted, Fretless, Tenor, and Mando Piccolo Basses, and Percussion, Bob Hemenger: Tenor Sax, Bob Franceschini: Flute, Dave Welsch: Trumpet, Steve Bailey: Trombone, Kaila Wooten: Background Vocals, Claudette Sierra: Background Vocals, Giovanni Rodriguez: Percussion and Pedro Martinez: Congas

 

3. Pass Me Not, O Gentle Savior

Public Domain

Victor Wooten: Basses, Drum programming and J.D. Blair: Drums

 

4. Get It Right

Written by Victor L. Wooten and Divinty Roxx

Victor Wooten: Electric Bass, Upright Bass, and Wah Bass, Meshell Ndegeocello: Bass, Rod McGaha: Trumpet, Joseph Wooten: Keyboards and Derico Watson: Drums

 

5. A Woman's Strength

Written by Victor L. Wooten and Krystal Peterson

Victor Wooten: Basses, Cello, and Viola, Riley Ellis: Bass, Kelly Ellis: Cello and Violin, David Haynes: Drums and JD Blair: Drums

 

6. It's All Right

Written by Victor L. Wooten and Saundra Williams

Victor Wooten: Basses, Anthony Wellington: Bass Solo, Steve Bailey: Fretless Bass, Theonita Valentine: Whistles, Darrell Tibbs: Percussion and Adam Wooten: Drums

 

7. Love To Hear U Laugh

Written by Victor L. Wooten and Saundra Williams

Victor Wooten: Fretless Bass, Cello, and Viola, Darrell Tibbs: Percussion and Roy Wooten: Cajon

 

8. Say Word

Written by Victor L. Wooten and Divinity Roxx

Victor Wooten: Basses, Slide Bass, Keyboards, and Drum Loops and J.D. Blair: Drums and Percussion

 

9. Be What U Are (I Love you More)

Written by Victor L. Wooten and Steve Bailey

Victor Wooten: Fretted, Fretless, Mando Piccolo Basses and iPhone Strings, Steve Bailey: Fretless Bass, Karlton Taylor: Piano, Darrell Tibbs: Percussion and Roy Wooten: Drums

 

10. H.O.P.E.

Written by Victor L Wooten

Victor Wooten: Stereo Tenor Bass

 

11. Brooklyn

Written by Victor L. Wooten and Saundra Williams

Victor Wooten: Basses, Joe Lauricella: Bass (during guitar solo), Vinny Fodera: Guitar Solo, Dave Welsch: Trumpet, Steve Bailey: Fretless Bass and Trombone, Marcus Rojas: Tuba, Darrell Tibbs: Percussion and Derico Watson: Drums

 

12. Still Your Baby

Written by Victor L Wooten

Victor Wooten: Basses, Keyboards, and Percussion, Kaila Wooten: Vocals, Justice Wooten: Guitar and Jesse Wooten: Drums

 

13. Merlin

 

14. Keep It Low

Written by Victor L. Wooten

Victor Wooten: Vocals and Basses, Adam Nitti: Bass, Anthony Wellington: Bass, Bill Dickens: Bass, Dave Welsch: Acoustic Bass, Gary Grainger: Bass, Jacques Jones: Bass, Kai Eckhart: Bass, Mike Montgomery: Bass, Oteil Burbridge: Bass, Paul Peterson: Bass, Ryan Sweeny: Bass, Steve Bailey: Fretless Bass, Roy Wooten: Cajon and Kelly Gravely: Drums

 

 

 

 

FOLLOW US

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione