Primal Fear

                                                                                                                           I will be gone

                                                                                                                           Nuclear Blast

                                                                                                                                 www.primalfear.de

 

 

La caratteristica più ammirevole delle band heavy della vecchia scuola è il loro incrollabile stoicismo, inamovibile contro la forza della modernità e delle nuove sonorità che al giorno d’oggi s’intrecciano con i suoni più duri che tutti amiamo. I Primal Fear anche dopo 13 album in studio non si fermano sul ciglio della strada o alla prima stazione di servizio per farti alleviare la vescica . Martellano e spingono l’accelleratore a tavoletta anche in questo EP di 5 tracce , successore del loro album Metal Commando rilasciato verso la fine del 2020. Il singolo, che poi è la traccia che da il titolo all’EP ‘I Will Be Gone’ è stata nuovamente registrata e riarrangiata. Una delicata introduzione acustica ci trasporta in un ninnolo sonoro in cui la voce di Ralf Scheepers s’insegue in un divenire d’archi con il timbro degli angeli di Tarja Turunen.  Il refrain è ispirato ed evocativo al punto giusto.

La chitarra di Beirut e Karlsson sul solo è sognante, con singulti presi direttamente dal flamenco.‘Vote for No Confidence’ si apre con l’ululato power metal del buon Scheepers e parte diretta e violenta spingendo l’ascoltatore su di una fuoriserie a cui qualcuno ha malamente manomesso i freni. Riff potenti e un granitico drumming in doppia cassa di supporto la fanno da padroni. ‘Rising Feari all’inizio mi ha ricordato non poco la parte  introduttiva di ‘Orion’ dei Metallica. ‘Leave Me Alone’ è un gigante furioso che saetta colpi con la clava chiedendo di essere lasciato in pace. Il testo che non parafraserò qui poiché parecchio volgare rende bene l’idea di volontà di solitudine del buon Ralf, che tra le righe suggerisce di fare un pò quel che si vuole di lui e poi però pretende di essere lasciato in pace. Ottimo il gustar solo.

Una uscita positiva per il combo tedesco che una volta in più si conferma essere sugli scudi alfiere di prim’ordine del power metal teutonico.

 

INVICTUS

 

01.  I Will Be Gone (Tarja Turunen)

02.  Vote of No Confidence

03.  Rising Fear (instrumental)

04.  Leave Me Alone

05.  Second to None

 

Ralf Scheepers - vocals

Tom Naumann - guitars

Magnus Karlsson - guitars

Alex Beyrodt - guitars

Mat Sinner - bass, vocals

Michael Ehré - drums

FOLLOW US

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione