Nirnaeth

                                                                                                          Anthropocene

                                                                                                          Andromeda Relics

                                                                                                         www.facebook.com/nirnaethrash

 

 

I Nirnaeth sono una band italiana (da specificare perché ne esiste un'altra con lo stesso nome), in attività dal lontanissimo 1990. Quindi ci troviamo di fronte ad una band con una lunga storia alle spalle ma come spesso mi capita io non ne sapevo nulla lo ammetto e per questo ringrazio Andromeda Relics nella persona di Gianni della Cioppa per avermi dato la possibilità di ascoltare questo disco.

IL fatto di essere  in attività per così tanto tempo dove si sono costruito la loro reputazione di duri del rock ma non solo ha permesso loro di realizzare un disco “Anthropocene” davvero significativo tanto per farci capire che per la band bergamasca  il tempo non passa inutilmente e l’invecchiamento per così  dire non è fine a sesto, come ad esempio lo è per il corpo umano che inevitabilmente si corrompe nella carne e nello spirito per i Nirnaeth questo invecchiamento è da intendersi come un buon vino che invecchiando diventa più buono e prezioso.Ecco la band dei Nirnaeth è proprio come questo vino dove il tempo è stato usato  a proprio vantaggio vestendosi con un  abito fatto di coerenza e reputazione incorruttibili.“Anthropocene” suona come deve suonare un disco di questo genere granitico e roccioso vario nelle sue espletazioni in modo da offre al suo pubblico un lavoro che ci fa urlare quasi al miracolo. 

Ripeto la band suona da illo tempore e questo si sente eccome nel disco suonato con una passione infinita e forse anzi senza forse questa passione ha permesso di arrivare ai giorni nostri con una freschezza compositiva davvero invidiabile e attenzione io non definirei questo disco come  thrash o per lo meno non solo questo genere sebbene in alcuni sprazzi si notano influenze Overkilliane financo ai Metallica  prima maniera, qui ci sono molte più band metallare in grande spolvero tipo i Cloven Hoof  i Voivod  e Armored Saints.ma personalmente vi citerei anche i Judas Priest e i Black Sabbath presenti nel brano “Hammer” brano tra i migliori del disco soprattutto per via  di quel martello che  ode  nel brano . Ma non solo in questo infatti anche Nell’unico brano cantato in italiano “La maledizione dell’umanità” si notano queste influenze  Pristian/sabbatthiane.

Una band in grado quindi offrire una varietà estrema di suoni e sensazioni che ci fanno addentrare nel mondo dei Nirnaeth fatto di ambientazioni mitologiche che risiedono sia nel monicker che a che fare con la narrazione Tholkeniana   de "La battaglia delle Innumerevoli Lacrime" del Signore degli Anelli.“Anthropocene” affronta argomenti se vogliamo in voga in questo periodo storico come nella stessa “Maledizione…”dove si denuncia il maltrattamento del pianeta terra da parte dell’uomo ma anche  a ricordarci eventi tragici come in “The slow Creeping Greed” che denuncia il genocidio delle popolazioni Native Americane.

 In chiusura con il disco dei Nirnaeth “Anthopocene” abbiamo dimostrato che in Italia si fa musica seria molto più di quanto non sembri e che anzi ci sono gruppi in grado di dare filo da torcere alle più blasonate band internazionali, e più vado avanti più mi rendo conto che non dobbiamo essere così esterofili per trovare e conoscere band interessanti basata guardarsi intorno e avremo pane per i nostri denti i Nirnaeth band nostrana ne sono un fulgido esempio. 

Stefano Bonelli 

 

01.  Anthropocene – Part 1

02.  Heavy Metal

03.  Those Days Of Our Youth

04.  The Slow Creeping Greed

05.  Searching For Walhalla

06.  Tender Brutality

07.  Warriors Of The Rainbow

08.  Hammer

09.  La Maledizione Dell’Umanità

10.  Anthropocene – Part 2 

 

Marco Lippe – vocals keyboards and drums

Marco Tombini – guitar

Simone Fumagalli – guitar

Leonardo Rocchetti – bass (guest)

FOLLOW US

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione