Death Dealer

                                                                               Hallowed Ground

                                                                               SMG Records

                                                                               www.deathdealer.co 

 

 

Fuori tempo massimo. Arrivano direttamente degli anni '80, in quanto a sound, affacciandosi al mercato discografico come un supergruppo in cui spicca la figura di Ross The Boss (ex Manowar) e Sean Peck (Warrior, Cage) ma riescono soltanto a far sbadigliare l'ascoltatore dopo i primi 10 minuti.

Sin dal primo brano “Gunslinger” è un susseguirsi di citazioni priestiane, maideniane con una spruzzatina di Manowar e violente partiture ritmiche che sfociano nel thrash metal in brani quali “Plan Attack” che sembra partorito più  dagli Overkill che da una band di metal classico.“Seance” è più Manowar degli stessi Manowar e suona quasi come una b-side di “Triumph of steel” merito soprattutto dell'epico intro in cui sembra di sentire l'espressività del migliore Eric Adams.

Oltre alla doppia cassa a mille, epicità a profusione ed acuti alla Halford a nastro non poteva certamente mancare una copertina demoniaca che, se era quanto di più scontato possibile negli anni 80 insieme al tema epico alla “Cirith Ungol”,  immaginate oggi, dopo 30 anni.L'influenza dei Manowar in “way of the gun” e “k.i.l.l.”, giusto per citare solo alcuni pezzi, è così invadente ed evidente da far piuttosto pensare ad un side project di Joey Demaio con un nuovo singer che ad una nuova band.

Non c'è nulla in questo disco che non mi suoni come già sentito 10.000 volte e, sebbene i musicisti coinvolti siano di primo livello e la voce di Sean dotatissina in estensione, tutto ciò non basta per elevare il disco oltre la sufficienza.Certo, ogni genere ha i propri cliché ed i puristi tutto sommato non aspettano altro che dischi veloci, roboanti ed aggressivi come questo e se avessi oggi 20 anni non vi nascondo che probabilmente mi esalterei non poco sulle note della potentissima “Corruption of blood”.

Purtroppo per i Death Dealer siamo nel 2015 e testi infarciti di proclami quali “i fear no men, we claim our land” oppure “heavy metal once for all, heavy metal hear the call”, quest'ultimo tratto dal brano “anthem”, suonano un tantino kitsch.

Bravissimi esecutori, cantante notevole ma testi da dimenticare e deja-vu su ogni singolo riff. Sufficienti e non oltre ma solo per il fatto di essere veramente bravi musicalmente. 

Vinny o'steven

 

01. Gunslinger

02. Break the silence

03. Plan of attack

04. Seance

05. Llega el diablo

06. The way of the gun

07. K.i.l.l.

08. I am the revolution

09. Total devastation

10. The anthem

11. Corruption of blood

12. Skull and cross bones

13. U-666 

 

Sean Peck - vocals

Ross the Boss  - guitars

Stu Hammer Marshall - guitars

Mike Davis  -  bass

Steve Bolognese - drums

FOLLOW US

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione