Mistheria

                                                                               Dreams

                                                                               Sifare Music Publishing

                                                                              www.mistheria.com

 

 

Questo di  Mistheria è il nuovo disco che segue ai suoi precedenti dischi da solista che sono ‘Solo Piano’ (2007) e ‘Keys Of Eternity’ (2011). Pubblicazioni inframezzate da altri suoi progetti come ad esempio il più celebre il Vivaldi metal project che abbiamo recensito in queste pagine con il suo album di qualche anno fa .Io credo che sia propria del musicista che ogni debba chiudersi in se stesso un per ritrovarsi ed un pò anche per creare realmente qualcosa che lo rappresenti in modo definitivo.

Per Mistheria questo aspetto viene espletato con questo suo nuovo disco chiamato “Dreams” un disco musicalmente dei nostri tempi ma che si guarda inevitabilmente al suo passato con musiche tardo romantiche.   "Il tardo-romantiscismo riunisce materiali melodici, temi ed espressioni schiette dei sentimenti umani. Le linee del tardo-romanticismo sono puramente estetiche in quanto dal punto di vista musicale hanno degli andamenti molto eclettici. Questo concetto a mio avviso riflette quanto andremo ad ascoltare in questo disco in quanto i sogni fanno parte sentimento umano. Dreams in effetti è un disco di sentimento intenso ed amorevole un amore di cui Mistheria non nasconde nulla mostrando la sua arte in modo schietto e sincero.

In Dreams non troveremo le scorribando neo classiche ma  tanta intimità estroversa formata da  dodici nuove composizioni in un compendio emozionale  dato anche dall’interpretazione dei suoi protagonisti anzi per meglio dire protagoniste  , si perché in questo disco hanno partecipato  solo donne e questo lo aggiungo io e sono tutte donne bellissime ed affascinati e talentuose il che non guasta anzi questa loro bellezza  amplia se vogliamo il concetto di estetismo musicale nel suo aspetto prettamente scenico.

Ascoltando “Dreams” non si può fare a meno di pensare ad un certo immaginificismo che inevitabilmente si accende quando arrivano brani come l’opener “Angels” dove improvvisamente scoppia un tuono con un vento impetuoso che introduce piano e flauto sorretti da una ritmica non impetuosa ma presente che a loro introducono ad una soave voce che sa anche di mistero.Menzione particolare per “One day in heaven(4 hands) evidentemente una brano eseguito a quattro mani ,daltronde  il pianoforte è strumento dalle grandi possibile interpretative ed esecutive del tutto innate. Nella prima parte possiamo ascoltare “Emilia di pasquale “il secondo piano è invece di Mistheria.

La parte da padrona del disco in questione , la fa  la suite “Elegy” suddivisa in sette movimenti in cui “Angels” e “Tears” sono i brani più importanti non fosse solo per la presenza delle vocalist “Caterina Nix”e la stupenda in tutti i asensi “Chiara Tricarico”.“Dreams” inoltre  ha anche un aspetto assai importnate che risiede nel fatto che pur essendo un disco pianistico  è costruito in modo da non far annoiare l’ascoltatore , merito questo penso dell’ottima produzione di cui gode  il lavoro .IL lavoro di Mistheria annovera  anche una cover una cover assolutamente in tema  in quanto non va a pescare il repertorio metal come ci si aspetterebbe , ma bensì esegue una brano di (G.F. Handel) ovvero “PenaTiranna” .

Infine per concludere mi pare di poter dire che “Dreams” sia un lavoro dalla caratura artistica notevole ,e che  malgrado si tratti di musica  classica contemporanea , con il solo piano a farla da padrone offre diversi spunti di ascolto che permetterà a chi ascolta il suo arricchimento personale ovvio che stiamo parlando  di un disco non per tutti vista  la  direzione,ma potrebbe  anche un motivo per approcciarsi alla musica in modo diverso. 

Stefano Bonelli

 

01. Elegy #1 “Angels”

02. Elegy #2 “Forever”

03. Elegy #3 “Farewell”

04. Elegy #4 “Clouds”

05. Elegy #5 “Dreams”

06. Elegy #6 “Tears”

07. Elegy #7 “Dark Nocturne”

08. Astra

09. Lullaby For Davide

10. One Day In Heaven (4-hands)

11. Sniege

12. The Day After

13. Alone

14. Belongs To My Life

15. Pena Tiranna (G. F. Handel)

 

Angel Wolf-Black, Beatrice Bini, Caterina Nix, Chiara Tricarico, Tsena Stefanova, Viktorie Surmøvá (voce)

Cristina Paola Bruno (oboe)

 Sanda Mašić (flauto)

Emilia Di Pasquale (pianoforte)

Julie Bélanger Roy, Lisa Agnelli (violino)

Julie Bélanger Roy, Maryna Lepiasevich (viola)

Rebecka Ericsson (violoncello)

Wild Queens (archi)

Abigail Stahlschmidt (narratore).

FOLLOW US

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione