Hellcome

                                                                Good Friends, Bad Company

                                                               Volcano Records & Promotion

                                                             www.facebook.com/hellcome.thrashnroll

 

  

Ascoltando il lavoro d'esordio dei nostrani HELLCOME "Good friends, Bad company" mi riporta alla mente un vecchio brano di De Gregori che cantava " Un giocatore lo vedi dal coraggio, dall'altruismo e dalla fantasia" . Il fine è sempre quello di arrivare al gol e vincere la partita . Credo questo possa bastare per definire se un lavoro è giunto a compimento o meno , i bolognesi Hellcome giocano questa partita dal 2009  essendo nati a Fabriano e nel tempo trasferitisi nel capoluogo emiliano dopo vari cambi di formazione e tentativi di rimettere in piedi una baracca creata per sfogare i propri istinti giovanili .

Nella tragedia del 2020 riescono a riemergere dagli inferi e ci regalano questo prodotto di metal thrash e spirito RnR ben suonato, ben arrangiato e con spunti davvero interessanti , composizioni mai fine a se stessi con evidenti sacrifici,  frutto di un lungo lavoro tra prove in studio e costruzioni intelligenti , un palazzo che risulti un pò più moderno e meno classicheggiante .

Il prodotto piacerà per la fantasia che si respira in ogni brano , a loro non basta partire "uno, due, tre, go" e tirare dritti fino alla fine, il quartetto crea dei percorsi da Formula Uno con pericolose curve ad altissima velocità dimostrando di possedere la sicurezza della guida senza particolari difficoltà . E qui si torna al giocatore di De Gregori che non deve aver paura di sbagliare un calcio di rigore per dimostrare la propria abilità, gli Hellcome possono anche non piacere stilisticamente o risultare troppo schematici nelle esecuzioni ma per la compilazione di un album non si dovrebbe guardare troppo a ciò che il fantomatico ascoltatore si aspetta , la band è la tua squadra e devi arrivare a vincere la partita facendo esultare i tuoi tifosi e deludendo chi ti odia . In fondo la musica è sfogo , se è fatta bene bisogna rispettarla. Mi auguro che queste prerogative risultino tali anche dal vivo.

 

Angus BIboli

 

01.  Good Friends, Bad Company     

02.  Dead City Lights 

03.  Revenge   

04.  Can You Feel My Hate? 

05.  Until See Snakes 

06.  The Art of Squirting        

07.  Motörhead

08.  Life Parade          

09.  Liver

 

Marco Cane Monacelli - vocals, guitars

Sauro Mori  - guitars

Matteo Carovana - bass

Alessio Monacelli - drums

FOLLOW US

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione