Black Rainbows

                                                              Heavy Psych Sounds

                                                              Cosmic Ritual Supertrip

                                                              www.facebook.com/blackrainbowsrock

 

 

Il bello di un recensore è quello di giudicare un prodotto musicale senza conoscere assolutamente nulla della band che si andrà ad ascoltare e credo che questa cosa la dovrebbero attuare tutti i critici e giornalisti perchè la conoscenza porta sempre a deviare giudizi spesso dispregiativi a seconda di chi si ha davanti . Dopo aver ascoltato il nuovo album dei Black Rainbows sono andato a spulciare tutte le informazioni sulla loro storia e con somma sorpresa scopro che mi trovo davanti ad una formazione nostrana, pergiunta proveniente dalla mia città (Roma) e mi accorgo di quanto io ignori la scena stoner psych doom italiana .

Ricordo che tempo fa ho assistito al concerto di una band stoner americana  ed avevo il fermo convincimento che le bands straniere sono superiori alle nostre in quanto ad organizzazione, sonorità ed attitudine ma ascoltando questo album devo ricredermi . Tutto questo mi fa davvero enorme piacere perchè significa che in Italia attualmente esiste una scena rock credibile tanto più che all'estero se ne sono finalmente accorti e l'etichetta Heavy Psych Rc. li produce presentandoli come una delle migliori attese del 2020 . Bel colpo , ragazzi . Andando a scandagliare le tracce del cd "Cosmic Ritual Supertrip" ci troviamo di fronte ad un muro di suono che riporta ai migliori riffs di Tony Iommi o alle mazzate tipiche degli High On Fire e alle chitarre fuzz alla Fu Manchu , suoni desertici , duri e granitici che li rendono tossici e psichedelici . Un bel lavoro che farà la felicità degli appassionati .

La formazione è degna di nota , Gabriele Fiori chitarre e voci, Edo Mancini basso e la batteria di Filippo Ragazzoni , gente tosta che sembra conoscere a menadito il mondo stoner . Come al solito la critica maggiore non è per il contenuto musicale ma per le strutture che almeno qui in Italia faticano a dare il giusto apporto alla scena rock . Pazienza, i Black Rainbows si faranno apprezzare all'estero e qui da noi si perderà l'ennesima occasione per crescere.

Angus Bidoli

 

01. At Midnight You Cry

02. Universal Phase

03. Radio 666

04. Isolation

05. The Great Design

06. Hypnotized by the Solenoid

07. Master Rocket Power Blast

08. Snowball

09. Glittereyzed

10. Sacred Graal

11. Searching for Satellites Part I & II

12. Fire Breather

 

Gabriele Fiori – keyboards guitar and vocals

Giuseppe Guglielmino- bass

Alberto Croce - drums

FOLLOW US

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione