Wolf

                                                                                                             Feeding the Machine

                                                                                                             Century Media

                                                                                                             www.wolf.nu

 

 

Tanti anni di carriera (venti) per questi svedesi, ma stavolta cambiando due membri della formazione. Ottavo album per una band classica eppure diversa dalle altre del panorama Heavy internazionale. Tanto simile all’Heavy di cui abbiamo confidenza, quanto particolare per atmosfera. Non ci sono esplosioni né enfasi sopra le righe tipo velocità da Power, eppure è metal duro e cattivo, pur se stemperato nell’arrangiamento ed in alcuni suoni meno aggressivi. E’ qualcosa dalla doppia anima: ha la struttura prevedibile di qualsiasi altro gruppo heavy, ma le soluzioni sonore diventano imprevedibili. Si riconosce qualche giro di note già esistente, ma subito diventa altro nelle mani di questi musicisti scafati.

Si sente in loro la scuola Judaspriestiana nelle chitarre ed in certi atteggiamenti della voce, ma ben mimetizzata nell’insieme, accanto ad altre ispirazioni, come il dark dei Metal Church (“THE COLD EMPTINESS”), gli atteggiamenti alla King Diamond in “Black Window” (il bassista nuovo proviene dai Mercyful Fate) o una certa descrittività alla Savatage o la NWOBHM alla Angel Witch. C’è anche una velatura di hard Rock, ma la base è saldamente legata all’Heavy Metal tradizionale mescolando abilmente ascendenze anglo-americane con sapori teutonici. Un po’ di tutto qua e là, mantenendo però un marchio di fabbrica riconoscibile, in una capacità espressiva coerente nella propria estetica. Il bello è che ogni canzone riesce comunque a possedere una sua specificità, realizzando una diversificazione globale davvero accattivante, e ciò permette ad ogni pezzo di farsi ricordare con facilità.

Sicuramente la traccia d’apertura “SHOOT TO KILL” è quella più  estroversa e più d’impatto. Ma cercare i brani dal valore maggiore è difficile perché tutte hanno dalla loro una forte personalità e songwriting vincente. Se vogliamo proprio fare l’elenco di quelle che sembrano migliori ecco la cadenzata “GUILLOTINE”, l’ossessiva “DEAD MAN’S HAND”, la diretta “MIDNIGHT HOUR”…….ehm, veramente sto andando dalla prima traccia a quelle a seguire, se continuo così le nomino tutte perché non riesco a sciegliere. Forse le minori, ma non riempitivi, potrebbero risolversi in una sola: la sinistra “Black Widow” che però troverete ganza.

La ritmica è piena di riff intelligenti, molto sensati, cercando di stare lontano dalla canonicità. Piuttosto affascinante il carisma livido dell’ugola che pur non essendo una punta di virtuosismo, è però abile nel creare atmosfera, oltre al fatto che la scelta di infilare cori e doppie voci è sempre studiata al meglio. Sa essere una voce acida come si evince per esempio nella graffiante “DEVIL IN THE FLESH”, ma anche intrigante in certi suoi modi di terminare le frasi. Una scrittura per certi versi semplice che però appare interessante in tutti i suoi passaggi. Una verve compositiva decisamente ben riuscita e arrangiamenti funzionantissimi. Anche quando si elicita una sonorità più morbida come in “SPOON BENDER”, lo si fa con lucida follìa. Le ballate qui non esistono, ed è un merito. Insomma questo è un piccolo capolavoro, forse il migliore della band (anche se non c’è un attacco alla “Skull Crusher” come nell’album 2011). Tale opera 2020 si assesta come uno dei lavori all’apice dell’anno fino a tutto marzo ed è uno di quelli che viene voglia di ascoltare più spesso. 

Roberto Sky Latini

 

01.  Shoot to Kill

02.  Guillotine

03.  Dead Man’s Hand

04.  Midnight Hour

05.  Mass Confusion

06.  The cold Emptiness

07.  Feeding the Machine

08.  Devil in the Flesh

09.  Spoon Bender

10.  The Raven

11.  Black Widow

12.  A Thief inside

 

Niklas "Viper" Stålvind – vocals - guitars
Simon Johansson - guitars
Pontus Egberg - bass
Johan Koleberg - drums

FOLLOW US

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione