Gradito ritorno nella capitale del talentuosissimo Guitar-Hero Neil Zaza e la location che ospita questo evento è niente di meno che il favoloso Crossroads,noi di Tempi Duri non potevamo certo mancare.Sono felicissimo di poter vedere le gesta del talentuoso chitarrista americano dal vivo perchè le sue composizioni(soprattutto le ultime)mi hanno letteralmente stregato.

In perfetto orario si spengono le luci del Crossroads e il Powertrio formato da Neil Zaza alla chitarra,Walter Cerasani al basso e Enrico Cianciusi alla batteria iniziano lo show.Lo show parte alla grande con un duetto di canzoni al fulmicotone, "Bari" seguita da "wild horses" rapisce letteralmente tutti i presenti in sala e mette da subito in evidenza le straordinarie qualità del nostro beniamino dell'Ohio.Tra le innumerevoli qualità tecniche mostrate dal nostro amato Zaza la più spiccata e sicuramente il controllo e l'espressività delle note,la sua melodicità è un vero e proprio marchio di fabbrica e il pubblico sembra davvero gradire alla grande.

Una cosa che mi piace tantissimo in questo artista è che ha sempre il sorriso sulle labbra,in parte sarà anche costruita questa caratteristica ma è indubbio che la musica gli scorra nelle vene.Si continua la setlist con "before the Throne" e "go" e le mani del nostro beniamino sembrano volare sul ponte della bellissima Carvin NZ624,francamente sono completamente rapito dall'abilità di questo straordinario artista che unisce radiofonicità musicale a strutture bizzarre...una vera scoperta per me che ahimè avevo ascoltato solo le sue prime composizioni neoclassiche dove presentava dei personali arrangiamenti su classici di Bach e Mozart.

Nel corso della serata la band percorre quasi tutte le fasi discografiche della Neil Zaza band dando ovviamente più attenzione alla fase più recente e sul finale dello show presenta una bellissima cover di "Take on me" degli A-HA che fa saltare tutti letteralmente sopra le sedie.Il modo mai banale che ha questo straordinario chitarrista di accompagnare e arricchire i brani è davvero un diamante splendente che a mio avviso tocca il punto più alto della sua bravura con la cover conclusiva di "Purple Rain" reinterpretata con cuore e cervello da vero fuoriclasse...grazie per il dono di stasera!!! 

Lubranomic

 

01.  Bari

02.  wild Horses

03.  before the throne

04.  go!

05.  Rich

06.  Hall

07.  Cherry Lane

08.  Palladio

09.  Adagio

10.  Take on me

11.  Melodia

12.  In my dreams

13.  MY Favorite things

14.  B5 (Beethoven)

15.  Somewhere in time

16.  Magnus 212

17.  Purple Rain

 

Neil Zaza - Guitar

Walter Cerasani  -  Bass

Enrico Cianciusi   -  Drums

FOLLOW US

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione