Gli Scala Mercalli suonano l’inno d’Italia “Versione Metal” in teatro durante lo spettacolo “L’Italia chiamò... mi hanno detto che”

 

 

 

 

 

 

 

Gli Scala Mercalli sono stati chiamati ad eseguire l’Inno d’Italia, nella loro versione Metal,(pubblicatà nel loro recente album “Independence) durante lo spettacolo teatrale “ l’Italia chiamò… mi hanno detto che”

diretta del regista Victor Carlo Vitale, con la partecipazione del noto attore Franco Oppini tra gli interpreti principali,
insieme alla cantante lirica Annalisa Sprovieri e molti altri bravissimi attori teatrali.
Lo spettacolo narrava della famosa Battagli di Castelfidardo avvenuta il 18 Settembre 1860,
dove l’esercito pontificio veniva sconfitto da quello sabaudo, che stava tentando di unificare il paese
(di questa battaglia la band aveva composto un brano e prodotto un video nel 2015).
La band eseguiva la loro versione dell’inno sul finale supportati dagli attori sul palco e sorprendendo gli spettatori,
in quando non presente sulla scaletta presentata al pubblico.
Gli spettacoli si sono svolti lo scorso 25 e 26 Ottobre a Castelfidardo (AN) e a seguire l’8 Novembre al teatro di Tolentino,
in tutte le rappresentazioni il responso è stato molto positivo, nonostante la versione heavy proposta
ad un pubblico generalmente un po' lontano dal genere.

La band dichiara: “Siamo stati onorati di poter partecipare a questo spettacolo,
dedicato ad una pagina importantissima della storia d’Italia,
in un ambiente di professionisti molto bravi e preparati.
Siamo stati anche molto contenti di avere portato il sound Heavy al di là dei soliti confini,
facendo interessare nuove persone al genere, dimostrando che Metal come fatto con passione non ha limiti!”

Scala Mercalli - Fratelli d'Italia :
https://www.youtube.com/watch?v=66tZ3oD5qPA

FOLLOW US

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione