Jornè

                                                                                                                        Live on Death Road

                                                                                                                        Frontiers Music

                                                                                                                        www.jornlande.com



 

 

Per il norreno Jorn Lande era ora di farsi ritrarre nella sua forma live. Per questo cantante che segue da un lato le orme ugolari del maestro Ronnie James Dio e dall’altro quelle di Coverdale, la prova dal vivo è anche un rischio, perché come Ronnie e David non può esserci nessun altro. Ed in effetti, per quanto Jorn abbia una gran voce, il suono meno limpido ne diminuisce il pathos rispetto al mito irrangiungibile di Dio, mentre il suo timbro roco non riesce ad essere caldo come quello di Coverdale. E’ un disco registrato nel 2018 al Frontiers Festival. Oltre al doppio cd, c’è la versione dvd.

Iniziare un live con la sofficità acustica di “my Road” è coraggioso, ma è anche iconico e mette subito in chiaro che è la voce quella che bisogna ascoltare. Poi non segue alcun tipo di esplosione ma un tradizionalissimo middle-time epico ed evocativo come “Bring Heavy Rock to the Land”, ma del resto i due brani sono legati anche da studio, la parte soft quale intro dell’album e della song stessa. Le scintille iniziano con la terza traccia “Life on Death Road” dove il ritmo alza il livello di adrenalina ma dove la troppo lineare melodicità vocale ammorbidisce la globalità del pezzo. La scelta di avere in scaletta “Blacksong” è positiva poiché è uno dei pezzi più belli di Jorn, anche se non è di quelli scoppiettanti, è un pezzo elegante che ricorda un po’ i Whitesnake. Sulla stessa scia di pacata raffinatezza c’è anche la successiva “World gone mad” che invece sa di Thin Lizzy.

Del resto tra le ispirazioni del passato per Jorn c’erano sia i Deep Purple di Coverdale sia i Thin Lizzy, come testimoniato dall’album di cover “Unlocking the Past” del 2007. Ma la spinta coverdaliana viene ancor più sottolineata in “Stormcrow” dove finalmente c’è un assolo un po’ acido. Poco dopo si sviscera maggiormente una verve meno d’impatto, e più di suggestioni, e un pezzo come “Sunset Station”, il più vecchio del lotto, lo racconta. C’è anche il tempo per cori del pubblico in “Out Of Every Nation” e soprattutto in “Walkin on Water” che però è anche uno dei pezzi più gentili ed evocativi del lotto, col suo parziale afflato folk. “Traveller” ha dalla sua una bella parte solistica, ma anche la melodia e le chitarre di contorno ne fanno uno dei pezzi più preziosi.

Sky Robertace Latini

Cd 1

01.My Road                                        (“Bring Heavy Rock to the Land”-2012)

02.Bring Heavy Rock To The Land         (“Bring Heavy Rock to the Land”-2012)

03.Life On Death Road                         (“Life on Death Road”-2017)

04.Blacksong                                      (“The Duke”-2006)

05.World Gone Mad                            (“Spirit Black”-2009)

06.Stormcrow                                     (“The Duke”-2006)

07.Sunset Station                                (“Worldghanger”-2001)

08.Ride Like The Wind                        (cover-Christopher Cross)

09.Out Of Every Nation                       (“Out of every Nation”-2004) 

Cd 2

01.Shot In The Dark                         (cover-Ozzy Osbourne)

02.Walking On Water                        (“Dracula-Swing of Death”-2015)

03.Traveller                                      (“Traveller”-2013)

04.Rock N’ Roll Angel                         (“Spirit Black”-2009)

05.The Mob Rules                              (cover-Black Sabbath)

06.Rainbow In The Dark                     (cover-Dio)

07.Lonely Are The Brave                    (“Lonely are the Brave”-2008)



Jorn Lande – vocals

Tore Moren – guitar

Alessandro Del Vecchio – keyboards

Sid Ringsby – bass

Beata Polak – drums

Francesco Jovino – drums

 

 

FOLLOW US

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione