Blackmore’s night

                                                              A night in york

                                                              Udr music/emi

                                                              www.blackmoresnight.com

 

 

 

 

 

 

Ero convinto di non dover parlare più di questo gruppo  voluto dalla moglie del men in black al secolo Ritchie Blackmore.

Dico questo perché quando recensii nella vecchia versione di tempi duri il disco dei Blackmore's Night, mi ripromisi di non avere più a che fare con questo gruppo per via della cocente delusione nel rendermi conto dello sfacelo più totale di cui  si è reso protagonista il buon Ritchie.

Questa ulteriore occasione viene data dalla pubblicazione di questo dvd disponibile in vari formati ,registrato dal vivo  alla città di York,intanto già il fatto di vedere il chitarriste ex deep e Rainbow vestito come un villico medievale suonare strumenti acustici come il mandolino affiancarsi a musicisti tutti bardati con abiti pure i loro medievali,credetemi mi è venuta una tristezza ed un amarezza infinita .

Ho detto più volte e lo riconfermo quante volte volete, che la colpevole è Questa sedicente cantante al secolo Candice Night la quale ha circuito il marito Ritchie ad allestire il palco come fosse il cortile di un castello con tanto di rocce finte balle di fieno e botti di vino allestendo il tutto con u enorme schermo nel quale vengono proiettati cartoni e dove i musicisti sono circondati da alberi ed arbusti che “catturano”persino le aste dei microfoni .

Poi personalmente la Candice non trovo che sia nemmeno particolarmente attraente ( ma si sa l’amore è cieco), e veramente non capisco come si possa rinnegare e distruggere un passato glorioso come quello che Ritchie Blackmores ha come bagaglio che non venga nemmeno preso in considerazione.

 Poi la cosa fastidiosa è l’atteggiamento che la bionda crinita che sta dietro al microfono assume , che è quello di una rock star arrivata,forse lei non si rende nemmeno conto del fatto che facendo un genere simil folk /fiabesco, o forse non lo sa che noi in Italia abbiamo un artista che lo fa meglio dei suoi B.N. parlo di Angelo Branduardi, e allora di cosa parliamo mia cara ?

LA saletta del concerto non prevede alcun  richiamo al passato come detto quando invece in altri concerti RB riservava al pubblico alcuni momenti nostalgici come Soldier of fortune, in questo concerto invece nemmeno quando imbraccia la sua mitica stratocaster non vè traccia di quelle band che conosciamo benissimo.

Per onesta quando lui suona la chitarra è sempre un piacere ascoltarlo , il talento per fortuna è rimasto inalterato in questo senso ; quello che sto cercando di dirvi è che a mio avviso il MIB è fuori contesto e credo che lui non se ne renda nemmeno conto di tutto ciò preso com’è accecato dalla moglie dalla ha avuto un bella bimba per altro davvero graziosa che all’improvviso viene fatta entrare sul palco per sorpresa generale del pubblico il quale approva con un boato.

LA bionda mammina la prende in braccia e  rivolgendosi a Ritchie  gli chiede perché non insegni a tua figlia a suonare le chitarra ?

Non posso esimermi dal citare uno squallidissimo momento che avviene  durante l’esecuzione “toast to tomorrow” (un tradizionale russo) dove ad un certo il tastierista ad un certo punto sparisce per riapparire annunciato da Candice come Lady Gaga per farne una sorta di improbabile parodia.

Vabbè non ho parole solo una profonda pena e tristezza nel dover constatare ,che ormai noi abbiamo perso per sempre il nostro eroe per me è la fine più totale e mi ri prometterò di nuovo di considerare finito l’idillio tra lui ed i suoi fans della prima ora R.I.P.

 

Stefano Bonelli   

 

 

01 locked within the crystal ball

02 gilded cage

03 the circle

04 journeyman

05 world of stone

06 the peasant‘s promise

07 toast to tomorrow

08 fires at midnight

09 barbara allen

10 darkness

11 dance of the darkness

12 dandelion wine

13 all the fun of the fayre

14 first of may

 

Ritchie blackmore - electric and acoustic guitars, mandolin, mandola, hurdy - gurdy

Candice night - lead vocals, renaissance wood winds, pennywhistles and tambourine

Earl grey of chimay -  bass, rhythm guitar

Bard david of larchmontbb - keyboards and vocals

Squire malcolm of lumley - drums and percussion

Gypsy rose - violin and harmony vocals

Minstrel albert - various medieval woodwinds

 

Special guest - autumn

FOLLOW US

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione