Questa è stata una delle poche volte in vita mia che ho deciso di andare a vedere un concerto senza avere la minima idea di cosa andassi ad ascoltare.Onestamente era da un pò che sentivo echeggiare il nome di Simone Cozzetto nel nostro ambiente ma stranamente non attirava la mia attenzione e quando è capitato di andare a fare questo report fino all'ultimo non ero così sicuro.Niente di più sbagliato!!!Appena entro nel bellissimo Crossroad trovo allestita una scenografia meravigliosa che rivisita le grafiche e i concetti del concept album "Wide eyes"del buon Simone Cozzetto ad aggiungere meraviglia su meraviglia una luce intensa blue che scalda un ambiente che è già in fermento di suo.Il locale è abbastanza gremito e i presenti sono tutti molto impazienti di capire come si svolgerà lo show.In perfetto orario la band di Simone Cozzetto sale sul palco e vede schierato on stage:Francesco Proietti alle tastiere,Francesco Marino alla voce,Simone Cozzetto alla chitarra solista,Andrea Zanzarri al basso e Ivan Di Traglia dietro le pelli.Si parte con la fantastica "lullaby"che come su disco ha un ruolo di intro nel meraviglioso concept,tutto d'un tratto mi ritrovo in un atmosfera eterea ed energetica allo stesso momento,i volumi e le dinamiche della band sono perfette,talento allo stato puro.Il concerto segue un brano dietro l'altro ma la qualità è di un livello altissimo e poche volte come questa negli ultimi anni mi sono sentito così coinvolto da un progetto musicale nuovo e frizzante con interpreti di codesto livello aggiungendo che sono abbastanza lontano da sonorità di matrice prog.Appena partono le note di "Spiral of dust" inizia un vero e proprio viaggio psichedelico tra Pink Floyd e Genesis dei tempi migliori e rimango con un sorriso da ebete stampato sul viso che non mi abbandonerà per quasi tutta la durata dello show.Finalmente sale sul palco l'ospite d'onore della serata,lo svedese doc Kee Marcello che offre una prova sontuosa nei brani "Lost in the Night" e "Diamond" che ha scritto a quattro mani con il Talentuoso chitarrista Romano.Il pubblico e semplicemente in delirio e partecipa attentamente allo svolgimento dello show con cori da stadio che accompagnano i nostri beniamini fino alla fine della serata.Il cantante della band Francesco Marino ha una voce semplicemente fantastica che si sposa perfettamente per queste sonorità dove varia nei vari registri vocali passando da note calde e mediose fino alle acute ed aspre senza la minima incertezza,proprio lui quando tutti pensavano che loshow fosse arrivato al capolinea annuncia un prolungamento speciale della serata dove vede Kee Marcello assoluto matador e la band di Cozzetto un meraviglioso strumento di diffusione.Tra le note di "Superstition" Kee Marcello decide che il livello della serata si alzerà ancora e a seguire vengono eseguite Hit senza tempo del calibro di : "Rock the night","Carrie","Girl from Lebanon" con la chiusura di "The Final Countdown" che decreta Simone Cozzetto & Band autentici titani per una notte con l'aiuto del talento di Kee Marcello che fatica a scemare.

Una serata assolutamente perfetta che difficilmente dimenticherò....Sontuosi!!!

“Lullaby (Part 1)”

“Awakening”

“Lost In The Night” (feat. Kee Marcello)

“Intermezzo I”

“The Void”

“Intermezzo II (Albatros)”

“”The Spiral Of Dust”

“Intermezzo III”

“The Lord Of Bareness”

“The Diamond Intro”

“The Diamond” (feat. Kee Marcello)

“The Albatros”

“Lullaby (Part 2)”

 

“Nihil” (new song)

Simone Cozzetto (chitarra, cori)

Francesco Marino (voce solista)

Andrea Zanzarri (basso)

Francesco Proietti (tastiere, cori)

Ivo di traglia (batteria)

Special Guest: Kee Marcello

(ex chitarrista Europe)

FOLLOW US

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione