Ritorna in Italia e nella capitale sua maestà Greg Howe a supporto della sua ultima fatica in studio e decide di farlo alla grande, con una formazione di prima scelta.Ad aprire la serata il talentuosissimo  Alessandro Benvenuti e il suo trio che delizia tutti i presenti con un repertorio fatto di vecchi brani ed un inedito che presto vedrà la luce nel suo prossimo Album.Il chitarrista nostrano offre una prova tutto cuore e qualità, intrattenendo con molta maestria i molti presenti giunti a sostenerlo.

 

01.  The Sense of Change - A.Benvenuti

02.  Uncommon Routine - A.Benvenuti

03.  Resist - A.Benvenuti

04.  Ego-Centric - A.Benvenuti

 

Alessandro Benvenuti Trio: 

Alessandro Benvenuti – Guitar

Pino Saracini - Bass

Lucrezio De Seta - Drums 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Arriva il momento del nostro ospite d'onore e l'ingresso sul palco di Greg Howe è accompagnato da un boato da stadio,tutti i presenti non vedono l'ora di poter apprezzare le sue innumerevoli qualità compositive e tecniche in genere.Il guitar hero americano è accompagnato da Gianluca Palmieri alla batteria e Ernest Tibbs al basso.Già dai primi pezzi in sala il pubblico è a metà tra lo sbigottito e ammaliato, quasi impossibile togliere lo sguardo da questo genio della sei corde che con le sue armonie pazzesche cattura l'animo di tutti i presenti.

Tra le note di "kick it all over" la band strappa un applauso assordante,straordinario brano estratto dal primo album omonimo del nostro ospite.I fraseggi offerti da greg howe sono un misto di tecnica e genialità,l'ascolto di alcune sue composizioni sembrano trasportarci in un altra dimensione,a tratti ho avuto la sensazione di "galleggiare tra le nuvole".Non avevo mai assistito ad un concerto di Greg Howe e devo dire che è un esperienza unica ed intensa,uomo di poche parole e quasi introverso nell'introdurre le proprie composizioni ma audace e folgorante nel fare sfoggio di tutti i suoi colori armonici.Il pubblico presente è stato assolutamente di primo livello,applaudendo senza risparmiarsi dall'inizio alla fine e la band ha percepito questa cosa dando prova di grande professionalità e classe...alla fine siamo andati tutti a casa con la convinzione di aver ascoltato e visto qualcosa e qualcuno di anormale...Grazie a Dio evviva la diversità!!!

Lubranomic

 

01.  Acute

02.  Tease

03.  I wonder

04.  Birds eye view

05.  Drums Solo

06.  Ballad Mellow &Slow

07.  Lucky

08.  Kit It All Over

09.  Tempest Pulse

10.  Guitar Solo

11.  Proto Cosmo (Allan Holdsowrth Cover )

 

Greg Howe Trio:

Greg Howe - Guitar

Gianluca Palmieri - Drums

Ernest Tibbs - Bass

 

FOLLOW US

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione