Black label Society

                                                                                                 Grimmest Hits

                                                                                                 eOne

                                                                                                www.blacklabelsociety.net

 

 

 

Tornano uno dei gruppi più rock in circolazione. I Black Label Society suonano una musica strutturata per essere davvero al servizio della chitarra, e alla chitarra ci sta Zakk Wylde, appunto l’uomo roccioso. Tutto basato su riff e assoli, meno variato nelle linee melodiche, comunque affascinanti, il disco emana distorsione corposa. Si tratta di HardRock / StonerMetal / SouthernRock che deriva comunque da Black Sabbath e  Doom. Già altre volte avevo nominato anche Ozzy nel suo modo di cantare. Mi colpisce ogni volta come si possa essere simili ai B.Sabbath senza esserne una copia, non so se è una sua volontà o se gli esce automaticamente, resta il fatto che tale parentela Zakk la imprime nella sua musica in modo forte. Quello stampo genetico è netto anche se forse la mano d’oro per i riff rimane a Iommi. Solo la sensibilità di un artista come Wylde riesce ad aggirare il rischio di apparire derivativo.

“SEASONS OF FALTER” possiede melodia ed elettricità, in un middle-time pesante alleggerito da un cantato a piena voce, ma delicato; e l’assolo, che sembra troppo corto tanto è bello (in realtà dura un minuto intero), dà i brividi. “THE BETRAYAL” è il riffing più anni settanta che c’è nel disco, ed è godibile come un vecchio whiskey d’annata (se mi piacesse il whiskey); proprio il suo ossessivo ripetersi ne fa la bellezza, soprattutto quando vi si sovrappone l’assolo liquido.

Più sabbathiano “ALL THE ONCE SHINED”, brano ammaliante nel suo fiammeggiare morbido ad inizio e fine brano, scuro nel mezzo. Il fascino delle due ballate è legato certamente alla voce magica di Zakk. La prima (traccia 5) “The Only Words” è leggermente pop alla Clapton, come gli riesce anche da solista, tappeto tastieristico e chitarra delicata. La seconda (traccia 9) “THE DAY THAT HEAVEN HAD GONE AWAY” invece è nettamente un blues ed è sicuramente da considerare meglio riuscita, anche se l’assolo migliore sta nell’altra. La dinamicità maggiore viene espressa da “ILLUSIONS OF PEACE”, forse il pezzo più bello dell’album, con un po’ più di pesantezza e una chitarra che tende a slogarsi il manico.  E per concludere il disco, Zakk inserisce una cantata acustica, “Nothing left to say”, che esprime il  suo lato più southern.

Sound polveroso e riempito di pathos poetico fino a farne quasi un cantautore in alcune circostanze, non relegando più alcune tipologie di espressione alle sue uscite soliste come quella di due anni fa (“Book of Shadows II”). Si rifugge dalla velocità, tempi cadenzati o tempi medi, ma mai accelerazioni enfatiche. E, come dicevo, le parti soliste non sono mai secondarie, anzi, se non ci fossero, le canzoni, per come sono costruite, apparirebbero troppo statiche. Una gran parte del minutaggio è proprio solistico e dispiace sempre che finisca. Forse non è un lavoro abbastanza duro, ma riesce a conquistarsi l’attenzione del fruitore che ama il rock verace ancorato alle origini.

Mancano brani moderni come “Demise of Sanity” del 2002 (uno dei migliori della sua carriera), e sembra che la scelta del musicista sia stata quella di scrivere pezzi lineari per giocare appunto con la chitarra e non per cercare un songwriting innovativo e più personale. La qualità non manca ma il voto dell’opera non raggiunge quello che altri suoi album del passato hanno ricevuto.

 

Roberto Sky Latini

 

01.  Trampled Down Below

02.  Seasons of Falter

03.  The Betrayal

04.  All that Once Shined

05.  The only Words

06.  Rooms of Nightmares

07.  A Love unreal

08.  Disbelief

09.  The Day that Heaven had gone away

10.  Illusions of Peace

11.  Bury you Sorrow

12.  Nothing left you say

 

Zakk Wylde – vocals / guitars / piano

Dario Lorina – guitars

John “JD” De Servio – bass

Jeff Fabb - drums

FOLLOW US

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione