Kenos
                                                                        X-Torsion
                                                                        My Kingdom Music
                                                                        www.myspace.com/kenosband

  

 

 

 

 

Nota Bene :

Ripubblichiamo la recensione che dedicammo nel 2010 all’ultimo lavoro dei Kenos, l’album X-Torsion, in occasione dell’imminente uscita (novembre c.a.) del nuovo EP “Nightrain to Samara”, a sua volta anticipazione di un full length che vedrà la luce a metà del 2012.
Alla recensione affianchiamo una recentissima intervista (ottobre c.a.), che i Kenos ci hanno gentilmente concesso.

Terza prova della band varesotta dedita ad un Death melodico ampiamente progressivo e sperimentale, saturo di contenuti a dispetto del nome del gruppo, Kenòs, che in greco antico significa “vuoto”. Un concetto di vuoto che i nostri, in un intervista,  definiscono come uno spazio interiore finalizzato ad essere riempito liberamente da ciascun individuo e che loro scelgono di popolare di trame e sostanze musicali assai varie e complesse.

Un contenuto, quindi, che dialoga col monicker, ponendosi in apparente antitesi ma giocando in realtà col significato filosofico del termine; e questo ci dice molto sullla “forma mentis” del gruppo e sul prodotto artistico di tale costituzione mentale. I Kenos si dimostrano infatti aperti alla sperimentazione pur restando nel solco del Death, uno stile caratterizzato da uno spiccato tecnicismo unito, negli esempi migliori del genere, ad un’ispirazione autentica tesa all’espressione di contenuti emotivamente carichi. E d’ispirazione, i nostri, non sono affatto manchevoli, come pure di spiccate abilità esecutive e di una sana propensione alla contaminazione stilistica. 

Eppure qualcosa non convince  in questa formula apparentemente perfetta. Se infatti è vero che in alcuni brani predomina la potente e veloce arma Death, è altrettanto incontrovertibile che questa non sia mai usata “in purezza” ma modulata e calibrata tramite l’inserimento di voci femminili in stile Gothic Metal, di influssi Black e Classic, di inserti elettronici sapientemente dosati, persino, in “Addiction Xtinction”, di un coro in stile “nativo Americano” che sospende per un momento la furia espressiva del brano, con due brani più intimisti, “I Remember” ed “Erocktika”, che creano delle pause meditative nel corso dell’ascolto e con l’ultimo pezzo strumentale, forse un po’ troppo lungo per non annoiare, affidato ad una coppia di chitarre acustiche.
Ci sembra alfine di poter ricondurre il problema ad un eccessivo arrovellamento compositivo, alla tendenza cioè a voler tessere una trama che contenga tutti gli spunti senza tuttavia riuscire a  portarli ad un livello adeguato di sviluppo, ad una profondità tale da trasformare queste contaminazioni pur interessanti in elementi caratterizzanti il brano. In questa tela di ragno architettonicamente audace è il ragno stesso a rimanere intrappolato: i brani risultano confusi, caotici e perdono d’efficacia e di vigore. Dispiace, questo esito incerto, perché i Kenos hanno tutte le capacità per dar vita ad un sound originale nel senso più alto del termine, che esprima cioè in pienezza ed armonia le sue diverse componenti strutturali. La pluralità è ricchezza, se ben organizzata.

Che lavorino dunque al prossimo album con questo intento riordinatore e selezionatore, con uno sforzo magari un po’ troppo scientifico per degli artisti ma indispensabile a tirar fuori il loro meglio. Perché se il disordine compositivo è un fenomeno piuttosto comune, più rara e preziosa è la dovizia di influssi stilistici alla quale i Kenos possono attingere, se riescono a superare l’impasse nella quale si trovano.


RosaVelata

 

01. Room Sexteen
02. 2012 Omega Assimilation
03. Encounter
04. I Remember
05. X-Torsion
06. Bitchswitch
07. Erocktika (Desert Dancing Raven Queen)
08. Revolver Revival
09. Addiction Xtinction
10. Eyes of Hurricane Part 2

Alessio Giudice - vocals
Domenico Conte - guitar
Jaco Pisciotta - guitar
Marcello Fachin - bass
Sergio Gasparini - drums, percussions
Fabiana Colombo - female vocals

 

 

 

 

FOLLOW US

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione