Dunkelrot Mistress Fear

Written by Super User on . Posted in Demo

 

                                                                        Dunkelrot

                                                                        Mistress Fear

                                                                        Etichetta non disponibile

                                                                        www.dunkelrot.it

 

 

 

 

Provenienti dalle lande milanesi, questo quintetto completamente femminile (ma solo nella deformazione generica del termine) anche perché se la donna si definisce facente parte del sesso debole o ancor più classicamente del gentil sesso, questo incazzatissimo quintetto potrebbe essere benissimo scambiati per dei maschi, solamente però per quanto riguarda l’approccio musicale.

 Il demo che le  Dunkerlot hanno realizzato è davvero interessante e scevro da qualsiasi intento meramente commerciale,Il suono del quintetto, oltre ad essere davvero pesante, è anche assai vario e rispecchia in toto le influenze musicali di cui sono investite le “bimbette” e quindi possiamo ascoltare ora del punk ora dell’alternative ora del nu-metal appena appena accennato.

Mi permetto in questo senso anche di avvicinare le milanesi ad alcune delle Crucified Barbara, non foss’altro per alcune tonalità vocali volte simili.La voce di Giulia su ogni pezzo del demo è graffiante e ben si trova a suo agio nelle varie ambientazioni musicali create dalle sue colleghe e musicalmente ci troviamo al cospetto di un demo che consta solamente di quattro tracce tutte realizzate con una produzione autonoma davvero encomiabile ,che fa risultare i pezzi dall’alta tensione distruttiva.

Apre le danze Choke un pezzo che ci capire di che pasta sono  fatte le dunkelrot come dicevo pocanzi nulla qui è da considerarsi carino o grazioso tutt’altro e le mazzate iniziali di questo pezzo dimostra appieno le intenzioni bellicose .

Mistress fear  è la title track del demo che col suo incedere oscuro con la chitarra ed il basso ad arpeggiare per introdurre la fase ritmica è un pezzo che mi intriga parecchio ed il duetto vocale al suo interno si contrappone alla voce graffiata di Giulia a mio avviso il pezzo più riuscito del demo.

Wake Up invece , si apre con le chitarre alternative della coppia Elena”jaymz”/Chiara, creano un muro sonoro insommortabile (aò ve dovete svejaaaa) ehm scusate questa mia disgressione .Chiude degnamente Wise Man? Classica punk song che si differenzia però per il suo assolo il cliscè musicale qui le Dunkelrot sono davvero piene di rabbia  e mandano senza mezzi termini a farsi fottere .

Beh che dire le “signorine”non sono davvero quello che vorreste trovare in manifestazioni tipo X-factor o Sanremo giovani andatele piuttosto a sentire dal vivo e sarete travolti da un energia senza mezzi termini.

 

Stefano Bonelli       

 

01.  Choke

02.  Mistress Fear

03.  Wake Up

04.  Wise Men?

 

Giulia - vocals

Chiara - rhythm guitar/backing vocals

Elena "Jaymz" - lead guitar/backing vocals

Sonia - bass

 

Lorenza "Lady Iron" - drums

FOLLOW US

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione