OAK Viandanze

Written by Super User on . Posted in Rock progressive

 

                                                                                                   OAK 

                                                                                                   Viandanze 

                                                                                                   Autoprodotto 

                                                                                                  www.oaksound.com/it 

 

  

Band capitolina esponente illustre del neo prog, gli OAK si sono prodotti in un lavoro di fattura eccellente. Immaginate come se i Jethro Tull avessero lavato i panni nel Tevere in compagnia dei Genesis della prima ora ed i Van Der Graaf Generator, alternando liriche ora in lingua italiana, ora in inglese e addirittura in napoletano.Atmosfere bucoliche e rilassate vi accompagneranno in un viaggio evocativo dove incontrerete fate e folletti, streghe e incantesimi di cui è pregna la tradizione italiana nelle fiabe popolari.“Magica Noce”, il brano con cui si apre l'album, trae ispirazione proprio dalle leggende del beneventano dove le Janare danzano sotto le noci nel Sabba. 

“Snegurochka” è invece un personaggio della tradizione russa, meglio conosciuta come la “fanciulla di neve” o “Nevina” ed il brano che porta il suo nome è come un ritratto di questa fanciulla nata dalla fantasia popolare. Un ritratto delicato disegnato con i tratti di una matita delicata con il tratto sottile e soffice.Segue “Holy Bell”, di ispirazione chiaramente Tulliana ed ispirato dalla visita di alcune chiese, ci traghetta a “Kepler 452b”, dedicato al pianeta gemello della Terrra e la seguente “Giubileo”, a tema storico e di denuncia dai colori dark.

Il lavoro si chiude con “My Old Man”, brano struggente dedicato al padre,  nel quale spiccano due special guest: Jenny Sorrenti in un ispirato cantato in lingua napoletana, dapprima improvvisato in dimensione live e poi inciso in studio e David Jackson al sax, lanciato come in un urlo di dolore, ed il flautino. “Viandanze” è un must per gli amanti delle sonorità dalle tinte acquarello che non dovrebbe mancare nella propria collezione. Consigliatissimo.

(Giovanni Turco)  

 

01.  Magica Noce

02.  Snegurochka

03.  Holy Bell

04.  Kepler 452b

05.  Giubileo

06.  My Old Man 

 

Jerry Cutillo: flauto, chitarra acustica, samples (2), sax, chitarra elettrica e tastiere (5)

Al Bruno: chitarra (2, 3)

Iacopo Ruggeri: chitarra (6)

Francesco De Renzi: piano elettrico

Mauro Gregori: batteria (1,3)

Charles Yossarian: batteria (2,4,5)

Michele Vurchio: batteria (6) 

Louis Ortega: basso (1,2,3,4,5), mandolino (3)

Alunni scuola elementare di Faido (CH): coro (1)

 

Special guest: 

Jenny Sorrenti (Saint Just): voce (6)

David Jackson (Van Der Graaf Generator): sax e flautino (6)

Jonathan Noyce (Jethro Tull): basso (6)

FOLLOW US

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione