Gecko's Tear Primati

Written by Super User on . Posted in Rock progressive

 

                                                                                        Gecko's Tear

                                                                                        Primati

                                                                                        Autoprodotto

                                                                                       www.geckostear.com

  

 

 

Erano almeno 10 anni che non si sentivano in giro.Ma ecco che i gechi partenopei tornano, dopo il debut album "Contradiction", con un lavoro che fotografa il loro stile originale in madre lingua italiana.Infatti mentre il primo lavoro ufficiale era in lingua inglese, rispetto al demo che vedeva la azzeccata la scelta del cantato in lingua madre, ecco che con il secondo album, la band presentarsi nella veste più genuina.

Per chi non si fosse imbattuto prima in questo monicker, bisogna dire che la band, capeggiata dall'eclettico e geniale Claudio Mirone (voce e chitarre), compositore e mente di tutto il progetto, affonda le proprie radici in Frank Zappa, Elio e e le Storie Tese, nel prog di matrice italiana e nella fusion e hard jazz, senza disdegnare incursioni nel funk. Insomma, ce n'è per tutti i gusti.Le liriche sono quanto di più folle possiate immaginare, così come i titoli.

La lingua italiana viene scarnificata , le tematiche sono talvolta chiare, ma proprio quando si pensa di aver capito qualcosa di quello che vogliono dire, ecco che il dubbio ci assale. Umberto Eco impalliderebbe a leggere i testi di questi brani la cui metrica è musicalmente funambolica."Primati" è un disco per menti coraggiose, curiose, annoiate dal piattume odierno.Se siete tra queste categorie di persone, questo è il disco che fa per voi.

 

Giovanni turco

 

01.              Impermeabilità

02.              Struzzo

03.              Bugia

04.              Accendino

05.              Fastidio

06.              Preambolo

07.              Lavavetri

08.              Finestrino

      Claudio Mirone - guitars/vocals        

      Roberto Porzio - rhodes and sinth    

     Valerio "Fluido" Celentano - bass

     Marco Castaldo - drums

    

          

   

 

 

FOLLOW US

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione