Myrage Angelo Libero

Written by Super User on . Posted in Musica italiana

                                                                                               Myrage

                                                                                               Angelo Libero

                                                                                               Andromeda relics

                                                                                               www.myrage.it

 

 

 

Band dalla decennale esperienza  che proviene dalle lande veronesi, che propone un rock cantato in italiano, arriva a noi con questa loro terza uscita , per la Andromeda Relics  del mitico  Gianni della Cioppa il quale con la sua etichetta si propone  coraggiosamente  di far conoscere nomi che altrimenti avrebbero poca possibilità di uscire  fuori .Questo è il caso dei Myrage ai quali il buon Gianni ha dato loro un enorme fiducia.

Purtroppo come ben sappiamo il rock  cantato in italiano non ha mai avuto vita facile anche se per merito di alcuni siamo anche riusciti a far  uscire dai patrii confini la loro musica da Vasco Rossi ai Litfiba allo stesso Piero Pelù, bisogna sinceramente affermare che se l’intento dei Myrage è questo  penso che la band debba seriamente riflettere non una ma due tre volte  prima di fare questo passo .Dico questo  perché ascoltando il disco Angelo Libero il terzo  che dovrebbe essere l’album della maturità artistica per una band seria , non si può dire altrettanto per loro.

Con questo non voglio dire  che la band non abbia sincere intenzioni di mettere la giusta serietà in quello che fa ,voglio far capire loro che prima di continuare a fare musica forse è meglio  fermarsi un attimo e vedere quanto fatto  finora tre dischi sono tanti e prima di continuare fare il punto della situazione  è la cosa più importante da farsi in questo momento.

Io  ho ascoltato  il disco e devo dire di essere rimasto a dir poco perplesso.  La domanda che mi sono fatto  durante l’ascolto  è stata questa” Come fa un gruppo che arriva al terzo  a fare delle canzoni  di questo genere?” Me la sono fatta sopratutto perché una band che arriva disco non dovrebbe suonare come suonano i Myrage perché diciamocelo francamente non sono una band matura e forse avranno bisogno di più di tre dichi per raggiungerla.

I suoni del disco poi sono bruttini e la produzione non aggiunge quel valore  intrinseco  di cui gruppi  hanno disperatamente bisogno,   Forse il problema risiede nel fatto che la band è rimasta ancorata ad una concezione musicale adolescenziale che non ha permesso loro di crescere e l’esecuzione delle canzoni stesse non da ai pezzi la giusta veemenza ed irruenza .Eppure episodi positivi non mancano “fantasia” è uno di questi , la title track poi  ha un inizio vagamente  sabbattiano  alla Heaven and hell ma poi andando avanti nella canzone stessa non ci sono le stesse premesse. 

La conclusiva “Nuovi Eroi” permette alla qualità  effimera di questo disco di risalire un pochina la china, ma credetemi se vi dico che è veramente  poco affinchè il giudizio rispetto a questo disco cambi positivamente e scusatemi se mi permetto  di ripetere quanto detto alcune righe più su  prima di continuare riflettete bene ,dico ma bene!! Su quanto fatto finora e cercare di essere obiettivi se non fosse  il caso di cambiare  qualcosina potrebbe essere importante non solo per voi  ma anche perchì eventualmente volesse  diventare vostro fan .

Stefano Bonelli

 

01.  Vivere ai confini del mondo

02.  Domani è lo stesso

03.  Fantasia

04.  Angelo libero

05.  Brivido in corsa

06.  Soli io e te

07.  Vieni a prendermi

08.  All'ombra di una nuvola

09.  Fermo immagine

10.  Nuovi eroi

 

Luca Ronchetti - vocals

Roberto Tonel – guitar

Yuri Vicentini - bass

Cristian Carnielli - drums

 

 

FOLLOW US

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione