David Sanborn Time and The river

Written by Super User on . Posted in jazz/fusion

 

                                                                                    David Sanborn

                                                                                    Time and The river

                                                                                    Sony Masterworks

                                                                                    www.davidsanborn.com

 

 

 

Un ritmo di percussioni che fa da tappeto all'elegante fraseggio di sax alto apre il nuovo lavoro in studio del sassofonista statunitense, classe '45, David Sanborn pubblicato nell'aprile del 2015 per l'etichetta Okeh e prodotto da Marcus Miller che ne ha registrato le tracce di basso. Al suo interno ci troviamo nove  brani (dieci se consideriamo la bonus track) questa volta non completamente strumentali che ci terranno compagnia quasi per tre quarti d'ora di intenso ascolto. 

Il territorio calcato è prettamente quello del Jazz influenzato in diversa misura da correnti funk, latin, soul e  blues, territtorio nel quale tutti i musicisti presenti nel disco si muovono a loro agio regalandoci un prodotto ben fatto ed un piacevole ascolto.

Oltre a Sanborn al sax e Marcus Miller al basso, la band che ha registrato questo disco è composta da Yotam Silberstein e Nicky Moroch alle chitarre, Roy Assaf alle tastiere, Ricky Peterson all'organo, Peter Hess al corno e al flauto, Marcus Baylor alla batteria e per finire Javier Diaz alle percussioni. Ulteriori ospiti nei due brani cantati ''Can't Get next to you'' e '' Windmills of your mind'' saranno rispettivamente Larry Braggs e Randy Crawford.

Questa formazione di veterani convince quindi nel suo spaziare senza troppi problemi dalle sonorità in principio quasi tribali del brano di apertura '' A la Verticale'' nel quale oltre alle melodie del sax di Sanborn spicca anche un bel solo di chitarra nella parte finale del pezzo, per portarci attraverso mondi sonori più distesi e rarefatti fino al decisamente blues oriented ''Can't Get next to you'', riuscendo a rimanere sempre perfettamente sintonizzata ed in linea con il groove del momento ed a non far percepire in maniera traumatica questi passaggi.

Un disco magnifico nel quale spiccano le capacità tecniche e compositive di Sanborn e allo stesso tempo la bravura della band che lo ha accompagnato in studio in questa nuova avventura, ma del resto con Marcus Miller nelle vesti sia di produttore che di bassista cosa altro potevamo aspettarci?

  

Domenico De Zio

 

01.  A la verticale

02.  Ordinary People

03.  Drift

04.  Can't Get Next To You (feat. Larry Braggs)

05.  Oublie Moi

06.  Seven Days Seven Nights

07.  Windmills of Your Mind (feat. Randy Crawford)

08.  Spanish Joint

09.  Overture

 

David Sanborn – sax

Marcus Miller – bass

Yotam Silberstein – guitar

Nicky Moroch – guitar

Roy Assaf – keyboards

Ricky Peterson – Organ

Peter Hess – flute

Marcus Baylor – drums

Javier Diaz - percussions

FOLLOW US

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione